Un appartamento studentesco troppo ordinato e pulito

· 12:48

Gli home tour sono più o meno come l'eroina. Inizialmente ti sembrano inutili, poi ne sbirci qualcuno perchè qualche blog amico lo pubblica perchè e da lì inizia il tracollo. Cerchi cerchi cerchi e il bello è che trovi trovi trovi.
Case perfette, case enormi, accostamenti riusciti, bizzarrie che mai avresti azzardato e cuscini lasciati lì come se qualcuno si fosse appena alzato dal divano lasciando cadere un lembo di plaid.
Poi inizi a notare i particolari strutturali come il pavimento più bello che tu abbia mai visto oppure cerci di immaginare come sia la vita in un appartamento in cui non c'è bisogno di tende alle finestre e in una città in cui la domenica dopo il brunch trovi delle sedie mid century al mercatino dietro l'angolo.
Librerie ordinate e appena uscite da una sessione di decluttering estremo, piante vive e rigogliose e pochissimo spazio per il ciarpame che sì è vero non ti piace ma te l'hanno regalato e fa brutto buttare via.
Questo ad esempio è un appartamento studentesco, praticamente identico a quello in cui vivevo io quando frequentavo l'università fatta eccezione per le pantegane, i dodici sacchi dell'immondizia in coda per essere portati fuori, il sottile e rassicurante strato di polvere e cenere che avvolgeva tutto e le pile chilometriche di dvd orfani delle loro custodie in un tripudio di menu da asporto e bollette non pagate ma tranqui che domani vado io.
Se fossi vissuta in un home tour mi sarei laureata con almeno tre anni di anticipo.
Godetevelo qui, perchè non vi capiterà mai più.





Credits_Home Sick


Emily

2 commenti:

  1. Proprio vero, sembra tutto fuorchè un appartamento studentesco :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono più gli studenti incasinati di una volta ;-)

      Elimina