Cafenoma | Instagramer che vale la pena seguire

· 13:10

Vabbè ormai avrete capito quanto mi piacciono il caffè e le colazioni della domenica, no?
In questo freddo week end di gennaio proverò a scaldarvi un po' il cuore con uno dei miei Instagramers preferiti, Cafenoma!
Si tratta di un piccolo collettivo giapponese composto da un fotografo, una stylist e un barboncino con la passione per il caffè in tutte le sue declinazioni.
L'atmosfera domestica si concilia benissimo con l'intento di proporre nuove idee con un tocco in più per la classica pausa caffè, sia che vi piaccia farla da soli che in compagnia, senza contare che le stoviglie e le mise en place utilizzate sono semplicemente favolose.
Vorrei che abitassero a due passi da me per potergli fare tante visitine improvvisate a base di cappuccino e waffels, ma la triste realtà è che mi ritrovo sempre davanti allo schermo a sognare le loro ambientazioni luminose, vere iniezioni di stile e accoglienza.
Queste sono solo alcune delle caffettose immagini che potete trovare sul loro profilo IG...




















Emily

Plastic Rugs Pappelina | Cucinare senza sporcare fa schifo

· 12:33

Ultimamente mi è stato chiesto di trovare una soluzione pratica ma stilosa per quanto riguarda un accessorio molto importante ma altrettanto ostico da scegliere: il famoso tappeto da mettere in cucina. Deve essere pratico perché, per lo meno a casa mia, è bombardato continuamente da gocce di vino rosso, salsa Sriracha, schizzi di olio, sugo di pomodoro e uranio impoverito e va lavato spesso per garantire la giusta igiene.
Chi come noi ama cucinare ha già sperimentato numerosi tipi di tappeto, da quelli da due soldi in cotone grezzo che quando escono dalla lavatrice sembrano un criceto schiacciato da un camion a quelli in fibra sintetica che dopo un po' assumono quell'aria lurida da pavimento dell'osteria di Gigi il Troione. Ammesso che si riesca a trovarne con colori e fantasie decenti.
Ormai da tempo mi sono affezionata ai tappeti di Pappelina, creati in Svezia partendo da fili di plastica (molto usati negli anni Settanta) tessuti e intrecciati a telaio. I colori e le fantasie nordiche sono tantissime e perfettamente adattabili a qualsiasi stanza della casa, che sia il bagno, la cucina, l'ingresso, la lavanderia o la camera dei bambini. Il vantaggio? Con un spugna umida si tolgono le macchioline più piccole e quando è ora di lavarlo lo si ficca sotto la doccia e con un po' di sgrassatore torna come nuovo, senza neanche dover aspettare troppo perché si asciughi.
Se con i dettagli pratici non vi ho ancora convinti, guardate un po' quanto sono belli...

















Photo credits_ Pappelina on Pinterest


Emily

Story Tiles | Micro narrazioni fiamminghe su ceramica

· 13:36

Il lunedì è sempre difficile da digerire, se poi piove (nota bene, piove, non nevica) allora la situazione diventa proprio insostenibile. Quindi cosa c'è di meglio di un bel post che ci possa catapultare in piccole storie olandesi di ceramica?
Story Tiles è un progetto di recupero delle tradizionali Dutch White, piastrelle quadrate bianche prodotte a partire dal XVI secolo, sulle quali la giovane artista Marga van Oers dipinge piccole illustrazioni fiabesche dal sapore fiammingo, micro narrazioni tipicamente olandesi.
Minuziose e particolareggiate ma pur sempre minimali e discrete le adoro inserite in un insieme di mattonelle tinta unita! Come un unico pezzo decorato di un puzzle monotono, piccolo particolare outsider che si nota solo dopo un'attenta analisi che dà valore all'insieme. Guardate il particolare della campanella qui sotto, mi fa impazzire.
Oppure raggruppate in composizioni a se stanti o appoggiate ad un mobile come piccoli quadretti abitati da personaggi minuscoli tutti da zoomare con lo sguardo.




















Emily