Lobbyist di Pliet | No static Sunday

· 17:06

La sedia a dondolo è sempre stato uno dei miei oggetti preferiti. Un momento di relax in terrazzo o in casa, un fumetto e un po' di bombe musicali nelle orecchie per sfidare la staticità: rock 'n' roll on the rocking chair.
Proprio come sto facendo in questa stanca domenica di aprile nella quale la mia casetta non mi è mai sembrata così confortevole e piena di felicità, sole e risate.
È vero, non ho ancora un salotto con tanto di divano e coffee table, ma una poltrona comoda (e pagata 0,99 euro su eBay) per N che gioca alla Playstation e una sedia a dondolo per me sono un buon surrogato e, in attesa di un up grade, sono l'ideale per le attività domenicali per le quali non serve alzare troppo il culo.
Nei miei sogni c'è un enorme terrazzo con il pavimento in teak, un'amaca matrimoniale, almeno 20 casette per uccellini di tutte le fogge e colori, una pianta di limoni, una pianta di ortensie bianche, una pianta di lavanda profumatissima e provenzalissima, un vaso con pomodori pachino, una fontanella smaltata turchese, il grill di Eva Solo e un paio di Lobbyist di Pliet a dondolo (possibilmente nella versione grigia).
Ecco.
Una Corona fresca e una copertina in cachemire per quando cala la sera e una candela da almeno 25 kg accesa. Non voglio diventare ricca, avere un Suv e una domestica, vestiti firmati e il tavolo al Billionaire: in fondo mi accontento di poco, no?






Come direbbero Crosby, Stills, Nash e Young: our house is a very very very fine house.
E buona domenica a tutti.


Emily

Nessun commento:

Posta un commento