Such Great Heights | Bambini americani che vanno in campeggio

· 14:15

Bambini americani che...
Una cosa che invidio tantissimo ai bambini americani è il campeggio. Il campeggio nei vari Camp Chippewa, quello con la famiglia in cui il tipico padre statunitense crede di trasformare il suo brufoloso figlio in un uomo vero e pure il campeggio nel giardino di casa con la tenda e tutto il resto.
Campeggi in cui si arrostiscono marshmallow, in cui si raccontano storie di fantasmi con la torcia sotto il mento, in cui si dorme nel sacco a pelo con un occhio aperto perché dopo la favola horror si intravedono ombre losche fuori dalla canadese.
Accampamenti con il falò perfettamente rotondo acceso con i legnetti e la paglia, stemmi da applicare sulla giacca per il più bravo ad usare i richiami per anatre e per il più abile con la canoa.
Che spettacolo.
Perché quando ho cominciato a chiedermi cosa spingesse dei bambini a dormire in una scomoda canadese piantata nel giardino di casa quando a pochi passi avevano disponibile la loro confortevole cameretta con un soffice letto, beh, in quel momento ho capito di aver perso un po' del mio spirito avventuroso.

Ma Such Great Heights un po' me l'ha fatto tornare, quel latitante ardimento da Giovane Marmotta.












Tende, trapunte arrotolabili, mantelli da Cappuccetto Rosso, toppe da applicare sullo zaino, tessuti vivacissimi.
E vorrei tantissimo la trapunta con gli orsi.


Emily

Nessun commento:

Posta un commento