La cucina veste Prada (Camila)

· 17:03

Se avete capito almeno un po' come sono fatta e di quali oggetti amo circondarmi avrete già dedotto che non sto parlando di arredamento firmato dalla Miuccia, inquanto assolutamente menefreghista nei confronti della griffe, contraria all'arredamento concepito come figheria da rivista e cosmicamente stupefatta di fronte ai prezzi che tali marche propinano.
Non vi parlerò nemmeno di Agatha Ruiz perché oggi non ne ho voglia e magari ve ne parlerò un altro giorno.
La designer sulla quale ho deciso di scrivere un post oggi è inglese ed ha un sacco di capelli ricci.

Tutto è nato l'altro giorno quando io e N ci siamo accorti di una gravissima mancanza in casa nostra: la zuccheriera. Da quel momento ho sfoderato la mia instancabile voglia di cercare on line esattamente quello che fa per me senza dovermi per forza accontentare del primo barattolo porta zucchero che posso trovare alla Standa o alle solite marche note e noiose.
E dopo una lunga ricerca ho trovato le creazioni di Camila Prada, esattamente ciò di cui avevamo bisogno: fatto a mano in tiratura limitata, alto tasso di simpatia e ironia, prezzo modico, funzionalità ottimale.
Ecco un po' dei suoi prodotti...















E questa è stata la prescelta, la nostra nuova zuccheriera.
Si chiama Maurice.




Che ne pensate?
Emily

Nessun commento:

Posta un commento