Color blocking | La mia versione

· 13:50

Il color block mi piaceva e non lo sapevo. O meglio, mi è sempre piaciuta la campitura piena, il colore acceso senza sfumature, l'accostamento tra colori molto per niente in gradazione tra loro.
Solo che non sapevo si chiamasse color block.
Di chiara derivazione artistica, e sto parlando di Fauves e De Stijl, ultimamente è molto utilizzato negli outfit e nella moda. E qui viene la parte divertente.
Perché ogni tanto il risultato è bellissimo, in altri casi invece ha l'effetto di un un'aspirina effervescente appoggiata alla retina. Perché l'abbinamento azzardato, se forzato e non in sintonia con il carattere e lo stile personale, è molto difficile da portare.
Io non sono una grande esperta nel settore modaiolo, si sa, e l'ho sempre applicato in maniera edulcorata abbinando abiti neri e calze shock. Ma io non faccio testo.

Ecco un po' di immagini per spiegare cosa intendo come abbinamenti riusciti, la mia versione della cosiddetta "botta di colore" che, come spesso accade, la maggior parte delle volte si risolve in un elemento coloratissimo accostato al bianco.
Giusto per stuzzicare un po' la fantasia.


La sedia Red and Blue di Rietveld distribuita da Cassina.



I vasi in vetro di Murano di Venini.




I magneti di Dot&Bo.


Il cappotto di Oasap.






Questi cuscini li trovate su Etsy.






Mira di Nick Frank.






Emily

Nessun commento:

Posta un commento