Poupée Rousse | Da piccola ero una squaw

· 13:46

Sì, da piccola facevo parte di una tribù di Indiani Pellerossa che da secoli vive sulle montagne del Trentino attorno al Lago di Garda.
Principalmente ci occupavamo di costruire archi in frassino e spago, non eravamo nomadi (troppe difficoltà logistiche) e adoravamo le perline e le frange.
Ok mi spiego meglio.
Da bambina avevo la fissa degli Indiani d'America. Non volevo fare la modella, volevo mangiare carne di bufalo e dormire sotto soffici pellicce, costruire tascapane di pelle e saper scagliare frecce avvelenate direttamente dal cavallo in corsa cavalcato a pelo.
Mmmm.
Mio papà mi aveva addirittura convinta che nei boschi del Trentino potesse saltar fuori un indiano da un momento all'altro ma io ero tranquilla. Ero una di loro. Cioè, non proprio una di loro perché sono bianca ma se mai ne avessi incontrato uno era ovvio che sarei diventata parte della loro tribù come Alzata con Pugno, quella di Balla coi Lupi.
Mmmm.
Il mio idolo era il capo della tribù Mandan Mato-Tope, che vuol dire Quattro Orsi, perché obiettivamnete non c'è paragone tra la pigrizia di un Toro Seduto o quel pazzerello di Cavallo Pazzo e Quattroedicoquattro Orsi. Da solo. Quattro.
Mmmm.
Il mio mega libro sugli indiani era bellissimo, così pieno di spunti e di foto che ho addirittura iniziato a sentire il disagio e la sofferenza per la segregazione nelle riserve.
Maledetto whisky e maledetti casinò.
Ci hanno rovinati.

Comunque, per ritornare alla realtà ho trovato un brand francese che mi ha fatto ritornare in mente ogni particolare di quella mia vita precedente, di quando si faceva colazione con un morso di cuore crudo di bisonte e non con il caffè.
Non parlo spesso di gioielli e non ne indosso quasi mai (a parte alcuni vecchi aficionados) ma le creazioni di Poupée Rousse mi hanno subito colpita: un misto tra squaw e parigina bon ton, frange ma anche nappine e fiocchi, il color oro che quando impari ad indossarlo è molto più figo dell'argento anche se quando eri alle medie ti sembrava da vecchia.
Quindi, caro Babbo Natale, ti posto alcune immagini dei miei preferiti.





Quanto sta bene questo mix di fiori e nappe?





 


 
Tu che hai quel tatuaggio bellissimo: crepa.




La mia solita domanda è: potrebbero anche essere una fonte di ispirazione per qualche DIY?
Pensateci.



Emily


P.S. Votate per me su Grazia.it!

Nessun commento:

Posta un commento