Lettere dal passato

· 09:39

Buongiorno!
Vi sto scrivendo durante la colazione, strano ma vero. Focaccina all'uvetta e caffè latte.
Un filo di mal di gola ma una giornata molto interessante che mi aspetta: Castel Noarna, streghe e un documentario da girare. Ma questa è un'altra storia...
Di fronte a me l'acquisto che io e N. abbiamo fatto domenica al mercatino di Voglia di Vintage di Mantova, ovvero due letterone gialle minuscole (la "e" e la "n", of course) staccate da non so dove che ho appoggiato alla cassettiera. Tempo fa avevo recuperato alla Brico una "E" in legno grezzo e l'avevo ridipinta di grigio antracite e appesa sopra il frigorifero con la mia collezione di piatti, ma è venuto il momento di evolversi.
Sì è vero, in ogni rivista e in ogni foto di case fighe ci sono i caratteri tipografici, ma credo sia una pratica non così comune come può sembrare. Eppure io la trovo un'ottima idea per personalizzare gli spazi sia con le proprie iniziali che con brevi scritte. Un po' di esempi?



Per i più pigri, lettere ritagliate da pagine di riviste.


Un po' esagerato?



Bellissima, soprattutto tenendo conto della mia passione per le scritte al neon.


Idea splendida: creare la scritta con del filo colorato e dei chiodi.


Con il fil di ferro.


Le famose lettere dello Scarabeo, qui per un veloce DIY e qui per acquistare l'intera scritta che desiderate.


 
Un bellissimo font, questa scritta in particolare e altre simili le trovate qui.


C'è a chi piacciono solo le O.



Questo è da provare!


E pure questo.




Qui mi piace proprio ma proprio tutto.


Un'altra bella idea è quella di utilizzare i cubi di legno che usano i bambini, magari vintage. Li troverò!



Seletti produce delle lettere in metallo abbastanza grandi e abbastanza noiose, per il resto vi conviene affidarvi a qualche mercatino o a qualche negozio on line tipo Etsy. E ovviamente al fai da te.
Sono ancora un po' assonnata ma spero di non aver scritto boiate.

Buona giornata gente!



Emily

Nessun commento:

Posta un commento